dBa Andrea Di Bartolo

 

   

 

FINALISTA AL CONTEST BEST MOVIE  AWARD, PROMOSSO DA BEST MOVIE E DALLA INSIDE DI LUCA ARGENTERO, 
CON LA SCENEGGIATURA DEL CORTOMETRAGGIO

In un futuro imprecisato la razza umana verrà modificata geneticamente da un nuovo tipo di farmaco l'LW426 e sottoposta a periodi di letargo forzato di sei mesi. Il tutto per poter sfruttare il meno possibile le ridottissime risorse naturali del pianeta Terra. Una squadra di agenti speciali è addetta al controllo dei cosiddetti letarnauti, volgarmente detti anche "succhia aria", affinchè non eludano il loro periodo di letargo obbligato o sfuggano dallo stesso dopo essere stati inseriti in speciali capsule criogeniche.
Uno di questi agenti chiamati Recop è Jonathan Bane e si imbatterà in un fuggiasco di nome Bennet che gli rivelerà una agghiacciante verità sul presente e sul futuro della razza umana.

  DAL BLOG DI LUCA ARGENTERO

Ci sono momenti in cui ancora mi chiedo come sia possibile che tutto questo stia succedendo. Sono rapidi bagliori, ombre veloci, momenti di perplessità scacciati via immediatamente dalla consapevolezza dell’esigenza di continuare a meravigliarsi sempre, perché se si ha l’illusione di creare i sogni, di farli vivere agli altri attraverso il proprio lavoro, non ci si può sottrarre dal viverli di persona. I sogni dominano. E i sogni hanno dominato la mia ultima settimana, prima protagonisti di un film e di un personaggio, a cui hanno addirittura dato il nome, “il sognatore”, un giovane professore del liceo senza nome proprio, senza un documento d’identità, vestito solo delle sue passioni e del suo spirito, giovane vecchio, inguaribile sostenitore del sogno come motore della crescita, dedito a far amare la vita e le proprie passioni. E le risposte non si sono fatte attendere. Più di altre volte mi è sembrato che tutto avesse un senso: il lavoro, il messaggio, il risultato. (Luca fa riferimento al suo personaggio in Bianca come il latte, rossa come il sangue, NdR)

Poi, negli stessi giorni, arrivava il momento di tirare le somme della sfida che vi avevo lanciato qualche mese fa: dissotterrare quegli scritti dimenticati che rimanevano un impeto inespresso di creatività, con la promessa che almeno uno di questi sarebbe diventato immagine. E tanti ne sono arrivati, buoni, meno buoni, ottimi, folli, astratti, complicati, sognanti, deprimenti, ridicoli, assurdi, geniali. Mi avete stupito per numero e qualità, mi avete sorpreso per l’audacia e per la sfrontatezza dei vostri lavori, per nulla intimiditi dalla firma, anzi ansiosi di un riscontro. E sempre di sogni si parla quando si tratta di realizzare un corto, un sogno breve, quindi per necessità più intenso. Sarà nuovamente compito vostro aiutarmi a scegliere quello che vedrà la luce, ne ho scelti 10 tra oltre 500 (clicca qui per scoprire i dieci finalisti, NdR) e attraverso i soliti canali vi invito ad esprimere il vostro giudizio, il vostro parere, la vostra preferenza… Un’unica amara considerazione: il dolore, il nero, il buio, sono stati i grandi protagonisti delle vostre proposte. E allora c’è ancora più urgenza di coltivare i sogni se le immagini che popolano le vostre menti hanno riflessi scuri e bui. Scrivere e immaginare per esorcizzare, per digerire l’indigeribile, sperando in un domani migliore. Chi di noi in questi ultimi tempi non si e’ fatto delle domande sul nostro futuro, su quello del nostro paese o del nostro pianeta? Con questa domanda vi lascio anche un piccolo indizio sulla mia sceneggiatura preferita

Infine il sogno continua perché vi scrivo da una stanza d’albergo, a notte fonda, prima che i sogni si impadroniscano di me anche stanotte, alla vigilia del primo giorno di riprese del nuovo film. E mi chiedo ancora se ad un tratto mi sveglierò di soprassalto, nella mia camera di ragazzo, ansimante e sudato, dopo aver vissuto questi ultimi dieci anni solo in sogno: se così fosse, sorriderei. Altrimenti fate attenzione a non svegliarmi

 

Cosa troverete nel sito

Video musicali, cortometraggi, documentari e tante altre creazioni video realizzate senza scopo di lucro ma per solo fini artistici

Learn more

About Me

Sono un videomaker indipendente mosso unicamente dalla voglia di raccontarvi una storia e farvi vivere un'emozione. 

Learn more

News and Events

Per sapere degli utimi lavori realizzati e di quelli attualmente in fase di lavorazione vi invito a cliccare sulla pagine delle news. Enjoy.

Learn more

LAVORI REALIZZATI SENZA SCOPO DI LUCRO E PER SOLI FINI ARTISTICI